Roma sparita-Porta Cavalleggeri

Ieri era così…

ieri

 

Oggi invece è cosìoggi

 

Da Porta Cavalleggeri si accedeva all’interno della Città Leonina e prendeva il nome dalle vicine caserme dei Cavalleggeri (la guardia pontificia): di essa, scomparsa ai primi del secolo, ci resta solo l’arco a bugne di travertino ricomposto e addossato alle mura vaticane (Piazza Cavalleggeri).

Accanto alla porta troviamo un sarcofago romano utilizzato come fontana, decorato a scanalature ondulate. L’alimentazione è a tre bocche: quella centrale è costituita da un “protome” (testa di leone) sormontata dallo stemma di Pio IV.

L’iscrizione sulla parte soprastante spiega l’utilità di questa fontana sia per le persone che per l’abbeveraggio dei cavalli: “Pio IV Pontefice Massimo per utilità pubblica e comodità dei soldati di guardia anno 1565″‘..

Precedente Gli extratterrestri nel governo italiano Successivo L'aquila è Roma