Crea sito
Mar
14
2014

Pippo Bbòno

Era tanto umano tanto de bbon core che a Roma chi l’incontrava diceva:
– Ecco Pippo Bbôn! 
E defatti tutti lo chiamaveno accusi.
Sortanto le gran carità che ffaceva! Nun c’era poverello drento Roma che nun era stato soccorso da lui. Annava a ttrova l’ammalati, li curava, je dava bboni consiji, imparava a llegge e a scrive a li regazzini. Speciarmente pe’ li regazzini, ciannava matto.
Li curava cor una pazienza, cor un amore che nun ve ne dico. Quann’era la festa se li portava a ffa’ mmerenna a Sant’Onofrio sotto la cerqua de Torquato Tasso: llì ddoppo magnato li faceva ggiocà’, ddivertì’ e j’imparavà a ccantà. Perchè fra ll’antre cose, dice che Ssan Filippo Neri era un bravo musicante.
Quanno poi li regazzini faceveno troppa cagnara e l’infastidiveno, je diceva co’ ‘na pazienza da Ggiobbe:
– State bbôni, regazzi, si ppotete, e si nun potete seguitate.

Giggi Zanazzo
Written by monsieurclaude in: Claude,Monsieur Claude |

Nessun commento

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Theme: TheBuckmaker.com Best WordPress Themes