Crea sito
Mag
17
2014

Piazza de la Libbertà

Quanno ce passo, è come si er tempo aritornasse indietro in quer quartiere antico che guarda ar Borgo de San Pietro
e li rivedo tutti e nove  su le panchine de quer giardinetto a discute affinchè un sogno se tramuti in un proggetto.
Li guardo da lontano e mentre loro stanno a sede
m’avvicino piano piano, come pe’ nun famme vede;
me metto dietro, propio a quello che ha preso la parola, e ner mentre parla all’artri, la fantasia de tutti vola.
E’ ‘n giovane cor pizzo, li baffi e ‘na divisa militare, vent’anni appena, sergente de li Berzajeri, a quanto pare; che foga, che passione, fosse pe’ lui je parlerebbe a ortranza,
e mentre parla lo sguardo suo se perde in lontananza.
Chissà si avrà capito che sta a succede in quei momenti, che cosa granne sta pe’ prenne vita da quei sentimenti.
Chissà si vede quanta gente seguirà le orme de quer sogno e che più se ne innammora e più ce n’ha bisogno.
Chissà si vede tutti quelli che se so’ riuniti lì quer giorno, è gente de ieri, de oggi e de domani; je stamo tutti intorno, pe ringrazziallo sempre e pe’ artre mille vorte ancora de avecce dato quell’Idea meravijosa che la vita ce colora.
E’ er nove de Gennaio dell’anno millennovecento,
se arza un’Aquila ner celo e vola libbera ner vento.

Luigi Pennesi

Di padre in figlio

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |

Nessun commento

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Theme: TheBuckmaker.com Best WordPress Themes