Crea sito
Dic
19
2011

NATALE DE GUERA- TRILUSSA 1916-

Ammalapena che s’è fatto giorno,la prima luce è entrata ne la stalla e er
Bambinello s’è guardando intorno.
-che freddo, mamma mia! Chi m’arripara?che freddo, mamma mia! Chi
m’arriscalla?
-Fijo, la legnaè diventata rara e costa troppo cara pe’ compralla…
-E l’asinello mio dov’è finito?-Trasporta la mitraja sur campo de battaja: è
requisito.
-Er bove? – puro quello fu mannato ar macello- Ma li Re Maggi arriveno?
-E’ impossibbile perchè nun c’è la stella che li guida;la stella nun vô uscì
: poco se fida
pe’ paura de quarche diriggibile…- Er Bambinello ha chiesto:
– Indove stanno tutti li campagnoli che l’antr’anno portaveno la robba ne la
grotta?
Nun c’è neppuro un sacco de la polenta,nemmanco una frocella de ricotta.
– Fijo, li campagnoli stanno in guerra,tutti ar campo e combatteno.
La mano che seminava er grano e che serviva pe’ vangà la terra
addesso viè addoprata unicamente per ammazzà la gente….
Guarda, laggiù, li lampi de li bombardamenti!
Li senti, Dio ce scampi, li quattrocentoventi che spaccano li campi?-
Ner di’ così la Madre der Signore
s’è stretta er fijo ar core e s’è asciugata l’occhi co’ le fasce.
Una lagrima amara per chi nasce,una lagrima dòrce per chi more……

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |

Nessun commento

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Theme: TheBuckmaker.com Best WordPress Themes