Mastro Titta, il boia di Roma Memorie di un carnefice scritte da lui stesso

Memorie romanzate di Giambattista Bugatti, detto Mastro Titta,

boia dello stato Pontificio dal 1796 al 1864.

Pubblicato a dispense dall’editore Perini nel 1891,

prende spunto però dal taccuino scritto dallo stesso Bugatti,

ritrovato da Alessandro Demollo e stampato da Lapi, Città di Castello nel 1886.

Le memorie  sono tratte  sul seguente link del  Museo Criminologico

Memorie di Mastro Titta
Memorie di Mastro Titta
Precedente Finalmente la risposta che attendevo (e che non ho mai detto a nessuno) è arrivata. Successivo RUGANTINO