Crea sito
Mar
10
2017

L’omo e l’arbero – Trilussa

Mentre segava un Arbero d’Olivo un Tajalegna intese ‘sto discorso: Un giorno, forse, proverai er rimorso de trattamme così, senza motivo.

Perché me levi da la terra mia? Ciavressi, gnente, er barbero coraggio de famme massacrà come quer faggio che venne trasformato in scrivania?

Invece – j’arispose er Tajalegna – un celebre scurtore de cartello, che lavora de sgurbia e de scarpello, te prepara una fine assai più degna.

Fra poco verrai messo su l’artare, te porteranno in giro in processione, insomma sarai santo e a l’occasione farai quanti miracoli te pare.

– L’Arbero disse: – Te ringrazzio tanto: ma er carico d’olive che ciò addosso nun te pare un miracolo più grosso de tutti quelli che farei da santo?

Tu stai sciupanno troppe cose belle in nome de la Fede!

T’inginocchi se vedi che un pupazzo move l’occhi e nun te curi de guardà le stelle! –

Appena j’ebbe dette ‘ste parole s’intravidde una luce a l’improviso: un raggio d’oro: Iddio dar Paradiso benediceva l’Arbero cór Sole.

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |

Nessun commento

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Theme: TheBuckmaker.com Best WordPress Themes