Crea sito
Nov
12
2013

Li quattro mejo fichi der bigonzo

BORGHICIANO I
So’ borghiciano, so’: nun ero nato
che bazzicavo già drento Palazzo:
mi’ padre me ce messe da regazzo
e, graziaddio, ciò sempre lavorato.

Pe’ fatigà, fratello ho fatigato;
da fanello ero sverto com’u’ razzo;
ma da un ber pezzo in qua nu’ me strapazzo;
perché so’ vecchio e m’hanno giubbilato.

Bazzico er Vaticano tutt’er giorno,
conosco er papa, so li fatti sui,
e de quelli magnoni che cià intorno.

Pe’ me, ‘nsino che dura è ‘na cuccagna
ma nun sia mai me se morisse lui,
lo possino scannà, come se magna?

TRESTEVERINO II
Io, frater caro so’ tresteverino;
e tutto me pòi dì forché pidocchio;
quanno facevo er carettiere a vino,
l’orloggio solo me costava ‘n occhio:

marciavo che parevo un signorino!
Carzoni corti inzinent’ar ginocchio,
giacchetta de velluto sopraffino,
fibbie d’argento e scarpe co’ lo scrocchio:

er fongo a pan de zucchero, infiorato;
un fascione de seta su la panza;
e ar collo un fazzoletto colorato:

portavo tanti anelli d’oro ar deto
e catene, che senza esaggeranza,
parevo la Madonna de Loreto.

REGOLANTE III
So’ regolante; faccio er conciapelle,
e so’ de discennenza vaccinaro.
Prima ‘st’azzienna qua stava a le stelle:
chi era conciapelle era mijonaro:

buttava piastre come carammelle;
e queste nun so’ fregne frater caro:
bastava a u’ regolante a dije avaro
pe’ fasse mett’in mano le budelle!

Er gusto nostro, quann’avemo fame,
è da magnà la coda de vaccina
cor sellero a stufato in der tigame;

e semo sempre pronti all’occasione,
de sera, oppuramente de matina,
de pijasse ‘na toppa a commugnone.

MONTICIANO IV

So’ monticiano, so’, sangue de zio!
so’ nato pe’ li Monti e me n’avanto;
e quanno dico a uno: alò ber fio;
ha da fa mosca e tela com’un santo.

So’ marano, lo so, ma er porso mio
nun c’è gnisun massiccio de qui accanto,
(nun dico bono), ma che sii da tanto,
de fammeje accusì, si nun voj’io.

So lavorà de sfrizzolo, fratello;
ma mai cor carciofarzo: quanno meno
a quarcuno, je fo: “for er cortello!”

Me coce più, a le vorte, ‘na parola
Detta cor un tantino de veleno,
che si me danno ‘na stoccata ‘n gola.

23 giugno1881
 
Luigi  Zanazzo

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |

Nessun commento

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Theme: TheBuckmaker.com Best WordPress Themes