LE CARICHE NOVE

Che scombussolo, eh? che mmutazzione?
Da quarche ggiorn’impoi, dove t’accosti,
Nun trovi ppiù ggnisuno a li su’ posti;
E chi pprima era Erode, oggi è Nnerone.

Si cqua ddura accusì, nemmanco l’osti
Faranno ppiù l’istessa professione,
Ché cqui adesso oggni sceto de perzone
Sfodera li su’ meriti anniscosti.

Preti, sbirri, prelati, mozzorecchi,
Spie, cardinali, ggiudisci, copisti,
Te li vedi frullà come vvertecchi.

Spiggneno tutti, e vann’avanti, vanno;
Ma in tanti pipinari e acciaccapisti
Chi ssa ar Papa che impiego je daranno?

G.G.Belli 1847

Precedente MAGNA' E DORMI '-A.FABRIZI Successivo Pasta alla carbonara