L’anno novo

L’anno che è passato è terminato.

Lassamio alle spalle n’anno de gioie, de cose tristi e cose allegre, de novi amori, de vecchi rancori.

L’anno novo nun te preoccupà che nulla de novo te porterà,o forze si, un anno de più c’ avremo tutti quanti.Diventeremo più vecchi e nun lo so se più saggi.

Poi ce stanno puro quelli che a Natale manco l’auguri t’anno fatto, beh a ste perzone je auguro un anno di bene lo stesso sperranno la bbona sorte li rabbonisca.

Ma nun me chiede come sarà st’anno novo, pe sapello tocca vivelo.

Pasquino XXI

Precedente "Er Natale romano" di Anonimo (trovato su altro sito) Successivo Er rito de le zitelle