Er ventre de vacca o pe’ capisse mejo er Parlamento Giggi Zanazzo 1897

Er deputato appena è deputato
pensa subbito a fasse un portafojo
e p’avello, ce sii qualunque scojo,
nu’ la pianta finché nu’ l’ha spuntato.

Si è un somaro, allora sta ingoffato
davanti a chi guverna e l’ogne d’ojo;
si è dotto je comincia a dà cordojo
finché nu’ l’ha sbattuto e aribbartato,

Tutti l’istessi so’, destri e sinistri;
er gioco sta ne’ ribbartà er guverno
p’annacce loro e diventà ministri.

Arivati a succhiasse quela manna,
siccome quella pacchia nun è eterna,
fanno; “Mo, panza mia, fatte capanna!”

Precedente CURIOSITA' ROMANE Successivo CURIOSITA' ROMANE, L'AQUILA E LA LUPA DEL CAMPIDOGLIO