ER SALUTO

Leggenno na novella,m’è venuto da scrive sta storiella.

Devi da sapè quant’è bello svejasse la matina ar sorgere der sole

Co’ le mano,m’accarezzo l’occhi e rigrazio er Padreterno davemme dato la possibilitá dè vede li raggi der sole

Poi arriva er bbongiorno de li parenti e de quarche amico.

 

 

Er saluto è sempre dato co’ l’affetto e cor core on mano.
Ce sò persone che nun conoscheno sta bella e antica usanza

Fanno finta che nun esisti,manco te risalutano e se t’encontrenno se girano de spalle,che scortesia

 

 

Nun capiscono che semo ar monno tutti de passaggio,
pe questo unimose l’uno cò l’antro in un forte e grande abbraccio

Precedente Sotto il cielo di Roma Successivo