Er libbero penziero (L.Magni)

Noi semo l’assertori del libero pensiero adesso il cielo è nero ma poi se schiarirà ,viva la libertà.
E nun se move foglia che er popolo non voglia chi vo regnà cor boia, da boia morirà, viva la libertà.
Semo i tirannicidi se armamo de cortello e giu dar piedistallo li famo ruzzica.
E’ l’omo che propone ma er popolo dispone er cane c’ha er padrone ma l’omo nun ce l’ha, viva la libertà.
L.Magni
Precedente ER PRESEPIO-Trilussa Successivo "Er Natale romano" di Anonimo (trovato su altro sito)