All’ombra di Trilussa

trilussa

Mentre me leggo er solito giornale
spaparacchiato all’ombra d’un pajar
o vedo un porco e je dico: – Addio, majale! –
vedo un ciuccio e je dico: – Addio, somaro! –

Forse ‘ste bestie nun me capiranno,
ma provo armeno la soddisfazzione
de potè di’ le cose come stanno
senza paura de finì in priggione.


Precedente http://ricordidiroma.altervista.org/ Successivo Il monsieur Claude