Crea sito
Dic
30
2013
-

Er rito de le zitelle

Er 25 de marzo se svorgeva er rito delle zitelle a la chiesa de Santa Maria sopra Minerva,vicino ar Pantheon

Succedeva che na schiera de zitelle dotate de l’Arciconfraternita d’Annunziata pricinpiava  da qua chiesa co’ n’ abito bianco de particolar foggia,pe recasse in processione  fino a  S. Maria sopra Minerva, dove c’arivava puro er Papa.Difatti a chiesa veniva addobbata co arazzi, festoni de frutta co la verdura e luci.Poi arivava er corteo papale e a fine cerimonia  ce stava  la consegna de n’ obbolo pe le zitelle “oneste e de bbona fama”pe rendele più appetibili a li scapoli de Roma.

Le somme  de le doti cambiaveno  a seconna der bilancio de l’arciconfraternita. Il rito finì  ner 1870, quanno le proprietà do stato pontificio subbirono a confisca  da lo Stato Italiano.

Er Belli cor sonetto “La Nunziata”  ce lo ricorda così:

 Stavo jjerammatina de piantone
su le scale cquaggiú dde Santa Chiara
aspettanno che uscissi la filara
de zitelle ammantate in priscissione.

Cuanno ecco che un paìno in zur cantone
se mette a rride co ’na faccia amara,
discenno a un antro: «Ir Papa la tiè ccara
la pelle sua si nnun viè a ffà orazzione».

Io fesce allora a cquelli capitali:
«Bboja che pperde tempo, e nnu li snerba
sti dottorini de li mi’ stivali.

Caso er Papa nun vienghi a la Minerba,
ce sò iti però li Cardinali,
che ttutti-cuanti sò ppapetti in erba».

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Dic
28
2013
-

L’anno novo

L’anno che è passato è terminato.

Lassamio alle spalle n’anno de gioie, de cose tristi e cose allegre, de novi amori, de vecchi rancori.

L’anno novo nun te preoccupà che nulla de novo te porterà,o forze si, un anno de più c’ avremo tutti quanti.Diventeremo più vecchi e nun lo so se più saggi.

Poi ce stanno puro quelli che a Natale manco l’auguri t’anno fatto, beh a ste perzone je auguro un anno di bene lo stesso sperranno la bbona sorte li rabbonisca.

Ma nun me chiede come sarà st’anno novo, pe sapello tocca vivelo.

Pasquino XXI

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Dic
22
2013
-

“Er Natale romano” di Anonimo (trovato su altro sito)

“Ebbene sì, stanno pe’ arrivà le feste de Natale… So’ tutti contenti, so’ tutti felici… so’ tutti più bòni… Invece a me me rode er chiccherone  e divento ancora più inzopportabile, si è possibile.
A Natale te se riempie casa de parenti, zii, zie, cugini, cugine, nipoti, nonni, pro-zii, pro-zie, de tutto, tutta gente che vedi solo pe’ du’ motivi: le feste o i funerali. Tocca mettese i cartellini sul petto pe’ ricordasse i nomi.
Insomma se comincia er 24, dalla mattina appena me arzo, mi’ madre parte co’ la tiritera… scenno, manco me siedo pe’ fa’ colazione che parte la lagna… “Ricordati che er 24 è Vigilia, quindi er 24, PESCE…”, me la guardo ancora nel sonno e je dico “A ma’, stò a fa’ colazione, posso magnà li biscotti o nel latte ce devo inzuppà la spigola?”.
Insomma, a casa ce stà ‘n’armata de affamati, gente che pare che nun magna da ‘na vita, aspetteno er Natale cor veleno, da metà Novembre stanno a insalatine pe’ non rovinasse l’appetito. Insomma, ormai a casa mia non fanno più ‘a spesa ar dettaglio.
L’anno scorso hanno preso 123 mq de Mediterraneo e 83 mq de Mar Baltico… te dico solo che mi’ nonna stava pe’ infarinà e frigge er Capitan Findus, ‘sto cretino stava a passà nello spazio de mare che s’eravamo comprati, lui co’ quer  peschereccio azzurro.
C’è gente che pe’ magnà conosce i peggio trucchi… de solito a cena dopo un par de portate se slacceno la cinta… mi’ zio l’anno scorso pe’ fregà i parenti s’è presentato in tuta: così nun comprime e pò magnà de più!
Insomma, la cena scorre, se finisce de magnà ed è l’ora dei regali… In tutte la famiglie ce sta quella che vòle fa’ l’istruita, pure che ha fatto pe’ puzza la seconda elementare… e allora senti mi’ zia che dà er regalo al marito della sorella e je dice… “tieni, un bel CARDIGAN”, che mi’ zio c’aveva paura fosse un cane da riporto del Caucaso, ha aperto col terrore… poi co’ un sospiro je fa: “Ah! Un majone coi bottoni… m’ero preso ‘na paura!”.
Fiuuu! Pericolo scampato! Sempre lei è quella che fa i regali impegnati ai nipoti, viene e te fa: “Tieni, un bel libro, che la cultura è importante!”. “A zì, sarà pure importante, ma si me regali ‘I 3 MOSCHETTIERI’ che c’ho 45 anni, che cultura vòi che me faccio??!?…”.
Ma la cosa più bella, che va contro tutto quello che viene detto in televisione, so’ i regali della nonna. So’ anni che sentimo di’ che co’ l’euro tutto è aumentato: quelle che erano 5 mila lire, mo’ nella nostra mente, so’ 5 euro….. Mi’ nonna me regalava 50 mila lire prima, mo’ uno se aspetta 50 euro… e invece no!! Te se presenta co’ un pezzo da 20, un pezzo da 5 e 50, 20 e 10 centesimi… che verrebbe da daje ‘na sediata.
Mi’ nonna è la vera risposta italiana al problema euro! Poi la gente se ne va a casa, ma er peggio deve ancora da venì. Er peggio è il 25! La notte io non ce dormo… so’ teso… nervoso… I preparativi per il 25 partono dall’Immacolata. Se riuniscono le donne e se mettono a decide… che famo, che non famo… agende co’ le ricette, puntate registrate della prova del cuoco… poi alla fine se finisce sempre a magnà le stesse cose.
Te alzi la mattina, entri in cucina, e le vedi lì, manco stessero a sperimentà ‘a fusione a freddo. Appena provi a entrà te fanno “Che vòi?”… “Niente, che vojo, un bicchiere d’acqua”… “NO, mo’ aspetti…”… manco i Vietcong ereno così.
Poi pare sempre che è successo qualcosa, so’ tutte co’ la faccia disperata… Te spaventi, ce stai male e domandi: “Che è successo?”… “Lascia stà…”, “…come lascia stà? Vojo sapé! Ahò, se so’ cose della famija, c’ho il diritto de sapello”… Te guardano co’ la faccia distrutta… e te dicono “…la besciamella ha fatto i grumi…” …MA ANNATEVENE A QUER PAESE VOI E LI GRUMI!
Da 30 anni, er 25 c’ha er menu fisso… e nun solo quello. La cosa peggio che pò succede è il doppio tavolo: uno pei grandi e uno pei piccoli.
Me dava ar fastidio da ragazzino… ma adesso me fa proprio nun la sopporto proprio più… L’anno scorso se semo ritrovati al tavolo che er più piccolo c’aveva 25 anni… Gente che è annata in guera, gente co’ due divorzi…, però sempre relegata al TAVOLO DEI PICCOLI.
L’unica cosa è che da 2 anni a ‘sta parte ce danno pure li coltelli. Poi nel mentre che se magna, noti che er fratello de zio, che er 24 c’aveva la tuta, oggi s’è presentato co’ la tunica che ha fregato a un lavavetri al semaforo.
Sotto è rigorosamente nudo, che le mutande segano! E c’ha la faccia contenta. Hai capito sì che stratega, er Bonaparte del colesterolo! Er pranzo finisce, se contano i superstiti, se sparecchia, se lavano i piatti e poi… poi… se gira ‘a tovaja che da bianca diventa verde… se comincia a giocà a carte! E a che se gioca? A sette e mezzo? NO! Se gioca a BESTIA! Er gioco dell’infamità, tutti contro tutti.
Er tipico momento arriva co’ un piatto de ‘na quarantina de euri. Comanda coppe. Te c’hai er 3 secco… bussi… sei de mano te senti un leone… bussa solo tu’ nonna. Te dici… “nonna me vòle bene, m’ha cresciuto, sto tranquillo…”, cambi 2 carte. Non t’entrano altre briscole ma t’entra un carico. Un po’ de paura ce l’hai, ma ostenti sicurezza. La vecchia non deve intravedere il minimo turbamento in te, so’ come i cani… sentono si c’hai paura.
Allora parti: lanci er carico a denara. Tu’ nonna te lo magna col 2 de coppe. Cominci a sudà freddo e te dici “no, non ce lo pò avé, no, nun me pò dì così sfiga…”. E invece che fa? Cala er COPPONE… . Poi co’ lo sguardo finto dispiaciuto te dice: “Bello de nonna tua, è er gioco…”. Butti er 3 e lei non contenta butta er 5 a spade, che te c’avevi er 4. Insomma tu’ nonna t’ha mannato in bestia… ! A me m’ha fermato mi’ padre appena in tempo, je la stavo pe’ da’ ‘na lamata…
Comunque, giocando giocando se fa ora de cena e parte la domanda retorica: “Qualcuno cena?”. E c’è gente che ancora c’ha er coraggio de di’ de sì… Poi che vordì ‘sta divisione cena-pranzo-cena… Io so’ sicuro che l’anno scorso mi’ zio s’è messo a sede er 24 e s’è rialzato er 2… Ma alla fine arriva l’ora de salutasse… e la solita manfrina: “Se vedemo troppo poco. Tocca organizzà più spesso…”
Vedi tu’ nonno che se fa du’ conti e dice… “Ahò, contando che er Natale viè ‘na volta l’anno, la prossima occasione deve da èsse…”. Ed è allora che parte un sonoro “ANNATEVENE UN PO’ A QUER PAESE TUTTI QUANTI!”….Che bello er Natale in famiglia.”

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Dic
22
2013
-

Er libbero penziero (L.Magni)

Noi semo l’assertori del libero pensiero adesso il cielo è nero ma poi se schiarirà ,viva la libertà.
E nun se move foglia che er popolo non voglia chi vo regnà cor boia, da boia morirà, viva la libertà.
Semo i tirannicidi se armamo de cortello e giu dar piedistallo li famo ruzzica.
E’ l’omo che propone ma er popolo dispone er cane c’ha er padrone ma l’omo nun ce l’ha, viva la libertà.
L.Magni
Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Dic
21
2013
-

ER PRESEPIO-Trilussa

 
 Ve ringrazio de core, brava gente,
pé ‘sti presepi che me preparate,
ma che li fate a fa ? Si poi v’odiate,
si de st’amore non capite gnente…
Pé st’amore sò nato e ce sò morto,
da secoli lo spargo dalla croce,
ma la parola mia pare ‘na voce
sperduta ner deserto,senza ascolto.

La gente fa er presepe e nun me sente;
cerca sempre de fallo più sfarzoso ,
però cià er core freddo e indifferente
e nun capisce che senza l’amore
è cianfrusaja che nun cià valore.

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Dic
17
2013
-

E’ Natale-Madre Teresa

E’ Natale ogni volta
che sorridi a un fratello
e gli tendi la mano.

E’ Natale ogni volta
che rimani in silenzio
per ascoltare l’altro.

E’ Natale ogni volta
che non accetti quei principi
che relegano gli oppressi
ai margini della società.

E’ Natale ogni volta
che speri con quelli che disperano
nella povertà fisica e spirituale.

E’ Natale ogni volta
che riconosci con umiltà
i tuoi limiti e la tua debolezza.

E’ Natale ogni volta
che permetti al Signore
di rinascere per donarlo agli altri.

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Dic
16
2013
-

AUGURI SCOMODI-Don Tonino Bello

Carissiminon obbedirei al mio dovere di vescovo se vi dicessi “Buon Natale” senza darvi disturbo.

Io, invece, vi voglio infastidire. Non sopporto infatti l’idea di dover rivolgere auguri innocui, formali, imposti dalla routine di calendario.

Mi lusinga addirittura l’ipotesi che qualcuno li respinga al mittente come indesiderati.

Tanti auguri scomodi, allora, miei cari fratelli!

Gesù che nasce per amore vi dia la nausea di una vita egoista, assurda, senza spinte verticali e vi conceda di inventarvi una vita carica di donazione, di preghiera, di silenzio, di coraggio.

Il Bambino che dorme sulla paglia vi tolga il sonno e faccia sentire il guanciale del vostro letto duro come un macigno, finché non avrete dato ospitalità a uno sfrattato, a un marocchino, a un povero di passaggio.

Dio che diventa uomo vi faccia sentire dei vermi ogni volta che la vostra carriera diventa idolo della vostra vita, il sorpasso, il progetto dei vostri giorni, la schiena del prossimo, strumento delle vostre scalate.

Maria, che trova solo nello sterco degli animali la culla dove deporre con tenerezza il frutto del suo grembo, vi costringa con i suoi occhi feriti a sospendere lo struggimento di tutte le nenie natalizie, finché la vostra coscienza ipocrita accetterà che il bidone della spazzatura, l’inceneritore di una clinica diventino tomba senza croce di una vita soppressa.

Giuseppe, che nell’affronto di mille porte chiuse è il simbolo di tutte le delusioni paterne, disturbi le sbornie dei vostri cenoni, rimproveri i tepori delle vostre tombolate, provochi corti circuiti allo spreco delle vostre luminarie, fino a quando non vi lascerete mettere in crisi dalla sofferenza di tanti genitori che versano lacrime segrete per i loro figli senza fortuna, senza salute, senza lavoro.

Gli angeli che annunciano la pace portino ancora guerra alla vostra sonnolenta tranquillità incapace di vedere che poco più lontano di una spanna, con l’aggravante del vostro complice silenzio, si consumano ingiustizie, si sfratta la gente, si fabbricano armi, si militarizza la terra degli umili, si condannano popoli allo sterminio della fame.

I Poveri che accorrono alla grotta, mentre i potenti tramano nell’oscurità e la città dorme nell’indifferenza, vi facciano capire che, se anche voi volete vedere “una gran luce” dovete partire dagli ultimi.

Che le elemosine di chi gioca sulla pelle della gente sono tranquillanti inutili.
Che le pellicce comprate con le tredicesime di stipendi multipli fanno bella figura, ma non scaldano.
Che i ritardi dell’edilizia popolare sono atti di sacrilegio, se provocati da speculazioni corporative.

I pastori che vegliano nella notte, “facendo la guardia al gregge ”, e scrutano l’aurora, vi diano il senso della storia, l’ebbrezza delle attese, il gaudio dell’abbandono in Dio.

E vi ispirino il desiderio profondo di vivere poveri che è poi l’unico modo per morire ricchi.

Buon Natale! Sul nostro vecchio mondo che muore, nasca la speranza.

Tonino Bello

 

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Dic
07
2013
-

Accade il 9 Dicembre (giorno del mio genetliaco)

Un povero indio di nome Juan Diego, nei pressi di Città del Messico la mattina del 9 dicembre 1531, mentre sta attraversando la collina del Tepeyac per raggiungere la città, e’ attratto da un canto armonioso di uccelli e dalla visione di una Donna che lo chiama per nome .

La Signora dice di essere “la Perfetta Sempre Vergine Maria, la Madre del verissimo ed unico Dio” e ordina di recarsi dal vescovo a riferire che desidera che le si eriga un tempio ai piedi del colle. Juan Diego corre subito dal vescovo, ma non viene creduto.
Tornando a casa la sera, incontra nuovamente sul Tepeyac la Vergine Maria, a cui riferisce l’ insuccesso e chiede di essere esonerato dal compito. La Vergine ordina di tornare il giorno seguente dal vescovo, che, dopo aver rivolto molte domande sul luogo e sulle circostanze dell’apparizione, gli chiede un segno. La Vergine promette di darglielo l’indomani.

Ma il giorno seguente Juan Diego non può tornare:suo zio, Juan Bernardino, è gravemente ammalato e lui viene inviato di buon mattino a Tlatelolco a cercare un sacerdote che confessi il moribondo; giunto in vista del Tepeyac decide perciò di cambiare strada per evitare l’incontro con la Signora.

Ma la Signora è là, davanti a lui, e gli domanda il perchè di tanta fretta. Juan Diego si prostra ai suoi piedi e le chiede perdono per non poter compiere l’incarico affidato presso il vescovo, a causa della malattia dello zio.

La Signora lo rassicura, lo zio è già guarito, e lo invita a salire sulla sommità del colle per cogliere dei fiori.

Juan Diego sale e con grande meraviglia trova sulla cima del colle dei bellissimi “fiori di Castiglia”: è il 12 dicembre, il solstizio d’inverno secondo il calendario giuliano, e né la stagione né il luogo, una desolata pietraia, sono adatti alla crescita di fiori del genere.

Juan Diego ne raccoglie un mazzo che porta alla Vergine, la quale però gli ordina di presentarli al vescovo come prova della verità delle apparizioni.

Juan Diego ubbidisce e giunto dal vescovo, apre il mantello e all’istante sulla tilma si imprime alla vista di tutti l’immagine della S. Vergine.

Di fronte a tale prodigio, il vescovo cade in ginocchio, e con lui tutti i presenti. La mattina dopo Juan Diego accompagna il vescovo al Tepeyac per indicare il luogo in cui la Madonna ha chiesto le sia innalzato un tempio.

Nel frattempo l’immagine, collocata nella cattedrale, diventa presto oggetto di una devozione popolare che si è conservata ininterrotta fino ai nostri giorni. La Dolce Signora che si manifestò sul Tepeyac non vi apparve come una straniera. Ella infatti si presenta come una meticcia o morenita, indossa una tunica con dei fiocchi neri all’altezza del ventre, che nella cultura india denotavano le donne incinte. E’ una Madonna dal volto nobile, di colore bruno, mani giunte, vestito roseo, bordato di fiori. Un manto azzurro mare, trapuntato di stelle dorate, copre il suo capo e le scende fino ai piedi, che poggiano sulla luna. Alle sue spalle il sole risplende sul fondo con i suoi cento raggi. L’attenzione si concentra tutta sulla straordinaria e bellissima icona guadalupana, rimasta inspiegabilmente intatta nonostante il trascorrere dei secoli: questa immagine, che non è una pittura, né un disegno, né è fatta da mani umane, suscita la devozione dei fedeli di ogni parte del mondo e pone non pochi interrogativi .


La scoperta più sconvolgente è quella fatta, con l’ausilio di sofisticate apparecchiature elettroniche, da una commissione di scienziati, che ha evidenziato la presenza di un gruppo di 13 persone riflesse nelle pupille della S. Vergine: sarebbero lo stesso Juan Diego, con il vescovo e altri ignoti personaggi, presenti quel giorno al prodigioso evento in casa del presule. Un vero rompicapo per gli studiosi, un fenomeno scientificamente inspiegabile, che rivela l’origine miracolosa dell’immagine e comunica al mondo intero un grande messaggio di speranza.

Nostra Signora di Guadalupe, che appare a Juan Diego in piedi, vestita di sole, non solo annuncia a Juan Diego e al mondo intero che è nostra madre spirituale, ma lo invita  ad aprire il proprio cuore all’opera di Cristo.

 

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Dic
05
2013
-

A NATALE PUOI

A Natale puoi
fare quello che non puoi fare mai:
riprendere a giocare,
riprendere a sognare,
riprendere quel tempo
che rincorrevi tanto.

È Natale e a Natale si può fare di più,
è Natale e a Natale si può amare di più,
è Natale e a Natale si può fare di più
per noi:
a Natale puoi.

A Natale puoi
dire ciò che non riesci a dire mai:
che bello è stare insieme,
che sembra di volare,
che voglia di gridare
quanto ti voglio bene.

È Natale e a Natale si può fare di più,
è Natale e a Natale si può amare di più,
è Natale e a Natale si può fare di più
per noi:
a Natale puoi.
È Natale e a Natale si può amare di più,
è Natale e a Natale si può fare di più
per noi:
a Natale puoi.

Luce blu,
c’è qualcosa dentro l’anima che brilla di più:
è la voglia che hai d’amore,
che non c’è solo a Natale,
che ogni giorno crescerà,
se lo vuoi.

A Natale puoi.

È Natale e a Natale si può fare di più,
è Natale e a Natale si può amare di più,
è Natale e a Natale si può fare di più,
è Natale e da Natale puoi fidarti di più.

A Natale puoi
puoi fidarti di più.

https://www.youtube.com/watch?v=CJ6RtxNo78w

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Dic
02
2013
-

Detto popolare su Santa Bibiana

Se ppiove pe’ Santa Bibbiana,l’inverno dura quaranta giorni e ‘nà settimana

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |

Theme: TheBuckmaker.com Best WordPress Themes