Crea sito
Nov
19
2013
-

Com’è bello fa l’amore quanno è sera

Chi pe’ fa’ l’amore vo’ er salotto o er separè
Chi se sceje l’ombra profumata di un caffè.
Mentre c’ho da ditte? A me piace amoreggià
Pe’ le strade in libertà…
Poi quanno tramonta er sole
So’ più dorci le parole a tu per tu!

Come è bello fa’ l’amore quanno è sera
Còre a còre co’ ‘na pupa ch’è sincera!

Quelle stelle che ce guardano lassù
Nun so’ belle come l’occhi che c’hai tu!
Luce bianca “dormi veja” d’un lampione!
Che t’insegna dove tu le poi bacià.
Specialmente fra le rose a primavera

Come è bello fa’ l’amore quanno è sera!

Sperza nell’erbetta, fra le rose e le panzè
Io c’ho ‘na casetta che me fabbrico da me!
C’ha pe’ tetto er cielo, c’ha la luna p’abagiù;
Ner tramonto è tutta blu!
Nun ce pago mai pigione
E ce porto ‘gni maschietta che me va!

Come è bello fa’ l’amore quanno è sera
Còre a còre co’ ‘na pupa ch’è sincera!

Quelle stelle che ce guardano lassù
Nun so’ belle come l’occhi che c’hai tu!
Luce bianca “dormi veja” d’un lampione!
Che t’insegna dove tu le poi bacià.
Specialmente fra le rose a primavera

Come è bello fa’ l’amore quanno è sera!
Come è bello fa’ l’amore quanno è sera
Còre a còre co’ ‘na pupa ch’è sincera!

E se un vigile me dice: “lei che fa!…”
J’arisponno: “è casa mia, che nun lo sa!…”
L’ho innarzata co’ li sogni ‘sta casetta
E se qui la pupa mia me viè a trovà
Specialmente fra le rose a primavera

Come è bello fa’ l’amore quanno è sera!

anno 1936 Martelli-Neri-Simi

 

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Nov
19
2013
-

Stornelli antichi

Voglio cantar così, fior da maranti
L’amore non è fatto per i vecchi…
L’amore non è fatto per gli vecchi!
Ma solo per noi altri, giovanotti.
E non le voglio che son tutti brutti!

Quando l’amore pizzica,
Gira che fa girar.
Ma quando che te stuzzica,
L’amore se ne va…

Voglio cantar così, fiore de nuda
A mamma tua la pasta, l’hai rubata…
A mamma tua la pasta l’hai rubata!
T’e la sei messa in petto, e t’è cresciuta…
T’e la sei messa in petto e t’è cresciuta!

Quando l’amore pizzica,
Gira che fa girar.
Ma quando che te stuzzica,
L’amore se ne va…

Voglio cantar così, fior de grispigni
Le baciolette mie, tu non le mangi…
Le baciolette mie tu non le mangi!
E dentro al piatto mio, tu non c’impigni.
E dentro al piatto mio tu non c’impigni!

Quando l’amore pizzica,
Gira che fa girar.
Ma quando che te stuzzica,
L’amore se ne va…

Voglio cantar così, fior de grugnale
Se fosse malattia fare l’amore…
Se fosse malattia a fare l’amore,
Sarebbe il mondo tutto in ospedale…
Sarebbe il mondo tutto in ospedale!

Quando l’amore pizzica,
Gira che fa girar.
Ma quando che te stuzzica,
L’amore se ne va…

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Nov
19
2013
-

Ciumachella de Trastevere

Ciumachella, ciumachella de Trastevere
Sei l’ottava meravija de Roma mia
Se ‘n pittore te volesse pitturà
Nun saprebbe da che parte incomincià

Ciumachella, ciumachella de Trastevere
Che miracolo che ha fatto mamma tua
A creà stò nonplusurtra de armonia
Ciumachella, ciumachella de Roma mia
Sei ‘na rosa, sei ‘n biggiù ‘na sciccheria
Ciumachella tu sei nata pe’ ‘ncantà

Sei ‘na rosa, sei ‘n biggiù ‘na sciccheria
Ciumachella, ciumachella de Roma mia
Se ‘n pittore te volesse pitturà
Butta tutti li pennelli e stà a guardà

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Nov
19
2013
-

ER MERCATO DE PIAZZA NAVONA

Er mercato fu messo a piazza Navona nel 1477 dar Papa Sisto VI e ner 1879 fu spostato a Campo de’ Fiori. 

Er Belli ce lo racconna così:

ER MERCATO DE PIAZZA NAVONA

Ch’er mercordì a mmercato, ggente mie,

Sce ssiino ferravecchi e scatolari,
Rigattieri, spazzini, bbicchierari,
Stracciaroli e ttant’antre marcanzie,
Nun c’è ggnente da dì. Ma ste scanzie
Da libbri, e sti libbracci, e sti libbrari,
Che cce vienghen’a ffà? ccosa sc’impari
Da tanti libbri e ttante libbrarie?
Tu ppijja un libbro a ppanza vòta, e ddoppo
Che ll’hai tienuto pe cquarc’ora in mano,
Dimme s’hai fame o ss’hai maggnato troppo.
Che ppredicava a la Missione er prete?
“Li libbri nun zò rrobba da cristiano:
Fijji, pe ccarità, nnu li leggete.”

                                           G.G.Belli  20 marzo 1834

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Nov
17
2013
-

Er Ciriola

Luigi Rodolfo Benedetti, nacque ner Rione Regola e ciaveva un negozio de elettricista e inoltre ciaveva puro n’ attività de fiumarolo cor suo barcone, aggiustato come  “stabilimento balneare” sur Tevere.
Veniva chiamato ” Er ciriola” e proprio como un’anguilla de fiume, se moveva bene ner Tevere.
 Er ciriola ricevette 160 medaglie per le 160 vite che aveva strappato al Tevere.
Tra er 1940 e 1970 er “Galleggiante d’er Ciriola” fu er punto de riferimento pe li ggiovani de Roma.
Era  er luogo de divertimento dei”poracci” però se riprese  la rivincita quanno Dino Risi lo utilizzò pe ambientacce le scene der film “Poveri ma Belli”.
Era er 1956 e da  allora anniete inizio er mito der ciriola  e der  suo proprietario.
.
Er mito fini quanno un incendio ner 1970 distrusse er barcone.
Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Nov
17
2013
-

A bocca da verità

Er cerebre mascherone de marmo è stranoto pe na leggenda,che si se ggiura er falso mettenno la mano na bocca der mascherone,la mano stessa te vie’ tranciata de corpo.

Bboni che è solo na leggenda.

Se racconta puro  che ner medioevo a mano de chi racconnava troppo bucie ,veniva veramente taijata da un boia che se trovava dietro ar mascherone.

 

Written by monsieurclaude in: MonsieurClaude |
Nov
14
2013
-

Er cannone der Giannicolo

Er cannone der Giannicolo, dar quale avviedi un ber paesaggio da a’ città eterna ,spara a sarve ogni ggiorno a mezzoggiorno.

E’ un momento der giorno ricorente,entrato na a’ storia e na a’ tradizione romana,capace di esartà uno dei tanti riti celebri da a’ capitale.

Na vetta der colle, sotto a statua di Garibaldi, ce sta dar 24 gennaio 1904 er cannone der Giannicolo.

A cannonanta a sarve de mezzoggiorno fu messa da Pio IX ner 1847,per fa’ sona’ e campane tutte ala stessa ora e nun quanno je pareva ar sagrestano de turno.

E’ na tradizione curturale co’ radici che affonneno na religgione

Er cannone era allora drentro ar Castel Sant’Anggelo,da dode, sopsato nel 1903 a Monte Mario pe ‘ quarche mese prima de esse posizionato definitivamente ar Gainnicolo.

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Nov
14
2013
-

E’ bello ave’ ‘na donna dentro casa

E’ bello ave’ ‘na donna dentro casa,
‘na rondine ‘ndifesa
c’hai preso sott’ar tetto.
Magari fa la cresta su la spesa
ma, poi, te da ‘n bacetto.
E il bacio coniugale
è come ‘n’anticammera amorosa
‘Na donna dentro casa è ‘n’antra cosa!

E’ bello ave’ ‘na donna che sparecchi
ma lascia er bocaletto
accanto a du’ bicchieri,
pe’ fasse ‘nsieme l’urtimo goccetto
che scaccia li pensieri.
Perchè si bbevi solo
è come si bevessi… acqua ‘cetosa
‘na donna dentro casa è ‘n’antra cosa!

E’ bello ave’ ‘na donna dentr’ar letto
che quanno che se mòve
te da un calore umano.
‘e si pe’ caso poi ‘na notte piove
la svegli piano piano,
pe’ dije: “Aho….. cicicici, tztztztz
…… sta piovendo! …..Che vogliamo fare?!”
E lei te s’arrinnicchia freddolosa
‘na donna dentro casa è ‘n’antra cosa!

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Nov
13
2013
-

La campana der campidojo

In cima ar colle der Campidojo c’è ‘na tore con na campana, la campana se chiama Patarina.

Patarina era pur er  nome da ‘a  campana da’ a  tore der Palazzo Senatorio de Roma; appartenuta all’ origgine ar comune de Viterbo – città invisa, alla fine der sec. 12°, ar papa Innocenzo III perché aveva dato ospitalità ai patarini (di qua er nome) – e vinta dai Romani, in occasione der conflitto sorto perché Viterbo coijonava a cittadina de Vitorchiano, fu portata a Roma come trofeo; veniva  sonata pe’ convoca’ i consigli ppubblici, e in occasione da l’elezione o incoronazione o morte del papa; durò fino ar 1560 e fu più volte fusa e rifusa.Nun è  possibile precisa’ quanno dell’antica campana c’è’ in quelle de oggi, ma puro oggi la campana der Campidojo  è  chiamata patarina.

Written by monsieurclaude in: MonsieurClaude |
Nov
13
2013
-

Le oche der campidojo

Na leggenda dalle più famose è legata all’assedio de Roma da parte der popolo dei Galli. Er tutto se svorge sur Campidojo, là dove ce stava er tempio di Giunone  ‘ndove i viveveno le oche sacre a la  dea. Li Romani, assediati dai Galli, cominciavano a senti’ a fame, e erano tentati dar desiderio de uccide le oche si giraveno sul Campidojo, ma nnun ce provarono perchè ste’ oche ereno considerate sacre.
Una notte Marco Manlio, un sordato che dormiva ner tempio de Giunone, sentì le oche stranazza’, subito se arzò e corze al le mura da rocca.

Se scontrò con un Gallo che assieme all’ artri staveno a scala’ a rocca, affrontò er primo e je strappò e dita.Ner medesimo le oche continuaveno a stranazza’ e così svegliorno tutto l’esercito che se precipitò a da na mano a Marco Manlio.
I Galli, grazie all’ allarme dato da le oche, furno sconfitti.

Written by monsieurclaude in: MonsieurClaude |
Nov
13
2013
-

Er pane è bono cò…

Senza cita’ Bruschetta e Panzanella,
e’ bono in ogni tipo de spuntino,
a comincia’ dar classico crostino
fatto co’ buro, alice e mozzarella.

E’ bono cor guanciale a Panontella,*
co’ le noce, co’ l’uva, intinto ar vino,
cor miele, co’ la fava e ‘r pecorino,
e indorato cor buro a la padella.

E’ bono ner caffe’, co’ la ricotta,
cor gelato, l’aranci in insalata,
cor prosciutto, li fichi e la caciotta.

Co’ tonno e cipolletta, cor salame,
co’ le castagne, co’ la cioccolata,
ma soprattutto e’ bono co’ la fame

Aldo Fabrizi

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Nov
12
2013
-

La creazione

Dio disse: « Mò che ho fatto Cielo e Tera,
domani attacco Luce e Firmamento,
mercoledì fò er mare, doppo invento
farfalle e fiori pe' la Primavera.

Pe' giovedì fò er Sole, verso sera
fò li Pianeti, er Fòco, l'Acqua, er Vento,
così se venerdì nun vado lento,
faccio sabbato ingrese e bònasera! »

Finì defatti er sabbato abbonora.
« Mò » disse « vojo vede chi protesta
dicenno che er "Signore" nun lavora...

Ho sfacchinato quarant'ore... basta!
Domani ch'è domenica fò festa...
e prima de fa' Adamo fò la Pasta! »

Aldo Fabrizi
Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Nov
12
2013
-

Felicità

C'è un'ape che se posa
su un bottone de rosa:
lo succhia e se ne va...
Tutto sommato, la felicità
è una piccola cosa.

Trilussa

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Nov
12
2013
-

Pasta alla capricciosella

Provate a fa' 'sto sugo, ch'è un poema:
piselli freschi, oppure surgelati,
calamaretti, funghi "cortivati",
così magnate senz'avé patema.

Pe' fa' li calamari c'è un sistema:
se metteno a pezzetti martajati
nell'ajo e l'ojo e bene rosolati,
so' teneri che pareno 'na crema.

Appresso svaporate un po' de vino;
poi pommidoro, funghi e pisellini
insaporiti cor peperoncino.

Formaggio gnente, a la maniera antica,
fatece bavettine o spaghettini...
Bòn appetito e Dio ve benedica!

Aldo Fabrizi
Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Nov
12
2013
-

Li quattro mejo fichi der bigonzo

BORGHICIANO I
So’ borghiciano, so’: nun ero nato
che bazzicavo già drento Palazzo:
mi’ padre me ce messe da regazzo
e, graziaddio, ciò sempre lavorato.

Pe’ fatigà, fratello ho fatigato;
da fanello ero sverto com’u’ razzo;
ma da un ber pezzo in qua nu’ me strapazzo;
perché so’ vecchio e m’hanno giubbilato.

Bazzico er Vaticano tutt’er giorno,
conosco er papa, so li fatti sui,
e de quelli magnoni che cià intorno.

Pe’ me, ‘nsino che dura è ‘na cuccagna
ma nun sia mai me se morisse lui,
lo possino scannà, come se magna?

TRESTEVERINO II
Io, frater caro so’ tresteverino;
e tutto me pòi dì forché pidocchio;
quanno facevo er carettiere a vino,
l’orloggio solo me costava ‘n occhio:

marciavo che parevo un signorino!
Carzoni corti inzinent’ar ginocchio,
giacchetta de velluto sopraffino,
fibbie d’argento e scarpe co’ lo scrocchio:

er fongo a pan de zucchero, infiorato;
un fascione de seta su la panza;
e ar collo un fazzoletto colorato:

portavo tanti anelli d’oro ar deto
e catene, che senza esaggeranza,
parevo la Madonna de Loreto.

REGOLANTE III
So’ regolante; faccio er conciapelle,
e so’ de discennenza vaccinaro.
Prima ‘st’azzienna qua stava a le stelle:
chi era conciapelle era mijonaro:

buttava piastre come carammelle;
e queste nun so’ fregne frater caro:
bastava a u’ regolante a dije avaro
pe’ fasse mett’in mano le budelle!

Er gusto nostro, quann’avemo fame,
è da magnà la coda de vaccina
cor sellero a stufato in der tigame;

e semo sempre pronti all’occasione,
de sera, oppuramente de matina,
de pijasse ‘na toppa a commugnone.

MONTICIANO IV

So’ monticiano, so’, sangue de zio!
so’ nato pe’ li Monti e me n’avanto;
e quanno dico a uno: alò ber fio;
ha da fa mosca e tela com’un santo.

So’ marano, lo so, ma er porso mio
nun c’è gnisun massiccio de qui accanto,
(nun dico bono), ma che sii da tanto,
de fammeje accusì, si nun voj’io.

So lavorà de sfrizzolo, fratello;
ma mai cor carciofarzo: quanno meno
a quarcuno, je fo: “for er cortello!”

Me coce più, a le vorte, ‘na parola
Detta cor un tantino de veleno,
che si me danno ‘na stoccata ‘n gola.

23 giugno1881
 
Luigi  Zanazzo

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Nov
12
2013
-

Avarizia

Ho conosciuto un vecchio
ricco, ma avaro: avaro a un punto tale
che guarda i soldi nello specchio
per veder raddoppiato il capitale.

Allora dice: Quelli li do via
perché ci faccio la beneficenza;
ma questi me li tengo per prudenza…
E li ripone nella scrivania.

Trilussa


Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Nov
07
2013
-

Freddura

So tarmente basso che quanno piove so’ l’urtimo a sapello

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Nov
06
2013
-

L’allustrascarpe filosofo

So’ trent’anni che fo sta’ professione
e ancora, graziaddio, nun so’ mai morto:
so’ vecchio; ar camminà, cammino storto,
eppure, sarv’ognuno sto benone.

La notte me rintano in d’un portone;
e la mattina appresso, quanno sòrto,
Omina bona mea mecume porto
e me rimetto qui su ‘sto cantone.

Si abusco, quer ch’abusco me lo magno;
si nun abusco, e me succede spesso,
me fumo quattro mòzze e nun me lagno.

Ma si l’incasso supera er valore
de quello che me serve, er giorno appresso
chiudo bottega e vado a fa’ er signore.

C.Pascarella

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Nov
05
2013
-

Proverbi romaneschi

Si nun sei re, nun fa’ legge nova e lassa er monno come se trova

Cosa rara, tièttela cara

Chi llassa la via vecchia pe’ la nova, mala via trova

Anni e bbicchieri de vino nun se conteno mai!

Se pijeno più mosche co ‘n pizzico de méle che co ‘n barile d’aceto

Sempre bbene nun po’ anna’, ssempre male nemmeno

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |

Theme: TheBuckmaker.com Best WordPress Themes