Crea sito
Ott
29
2013
-

Halloween No Grazie!

Halloween No Grazie!

Halloween No Grazie!

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Ott
29
2013
-

Testardo …Daniele Silvestri

Io so’ testardo
c’ho la capoccia dura
e per natura non abbasso mai lo sguardo
è un’esigenza
perché c’ho ‘na pazienza da leopardo
e so’ testardo
e non mi ferma gnente
vado sempre avanti fino al mio traguardo
indifferente
e non m’importa gnente se ritardo

io so’ de legno
e sembro muto e sordo
ma le tue parole, sta’ tranquillo
che me le ricordo
e qualche volta me le segno

io so’ de coccio
quello che dico faccio
io so’ uno che, comunque vada
le promesse le mantiene
che poi nemmeno me conviene
molto

perché so’ un muro
e pure se t’ascolto fondamentalmente
so’ sicuro
che la tua vita è appesa a un filo
e io c’ho le forbici

però
se ancora un po’ mi piaci
la colpa e dei tuoi baci
che m’hanno preso l’anima
de li mortacci tua

Io so’ De Chirico
dico in senso simbolico
c’ho un controllo diabolico
quasi artistico
del mio stato psicofisico
e se hai capito, mo’ traducilo

e so’ tenace
perché alla gente piace
ma è evidente che con un coltello
mi puoi fa’ cambia’ opinione
aho, so’ testardo
ma mica so’ cojone

io so’ de marmo
ma tu m’hai sbriciolato
perché so’ testardo fino al punto
che so’ sempre innamorato
pure se tu m’hai già scordato
– (e infatti l’hanno vista…)
– m’hanno informato!

però
se ancora un po’ mi piaci
la colpa è dei tuoi baci
che m’hanno preso l’anima
de li mortacci tua

http://www.youtube.com/watch?v=DJXV3DY870U

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Ott
24
2013
-

Ammazzate oh !

Senti un po’
bella mia
proprio te
che cercavo stasera.
dimme un po’
volemo conta’
tutte le volte
che t’ho lasciato io
poi ‘na sera te sei alzata
hai detto basta e te ne se’ annata,
sei stata brava,
ammazzate oh!
non te smove ‘na cannonata,
hai detto basta e te ne sei annata,
ammazzate oh!
t’e’ bastata ‘na mezza giornata
pe scordarte de sto grande amore
ammazzate oh!
le promesse e tutti quei baci
dati a mille sotto ai portoni
ammazzate oh!
t’e’ bastata ‘na mezza giornata,
hai detto basta e te ne sei annata,
sei stata brava..
e cosi’
dopo un po’
che sto qui
a cercar de capi’
pare bene che e’ finita
t’e’ bastata ‘na serata,
sei stata brava
ammazzate oh!
non te smove’na cannonata,
hai detto basta e te ne sei annata
ammazzate oh!
t’e’ bastata’na mezza giornata
pe scordarte de sto grande amore
ammazzate oh!
le promesse e tutti quei baci
dati a mille sotto ai portoni
ammazzate oh!
pare bene che e’ finita
t’e’ bastata ‘na serata

Luciano Rossi

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Ott
08
2013
-

LETTERA DI UN ( ANZIANO) PADRE AL FIGLIO.

LETTERA DI UN ( ANZIANO) PADRE AL FIGLIO CHE HO TROVATO NAVIGANDO SU INTERNET

Se un giorno mi vedrai vecchio: se mi sporco quando mangio e non riesco a vestirmi… abbi pazienza, ricorda il tempo che ho trascorso ad insegnartelo. Se quando parlo con te ripeto sempre le stesse cose, non mi interrompere… ascoltami, quando eri piccolo dovevo raccontarti ogni sera la stessa storia finché non ti addormentavi. Quando non voglio lavarmi non biasimarmi e non farmi vergognare… ricordati quando dovevo correrti dietro inventando delle scuse perché non volevi fare il bagno. Quando vedi la mia ignoranza per le nuove tecnologie, dammi il tempo necessario e non guardarmi con quel sorrisetto ironico ho avuto tutta la pazienza per insegnarti l’abc; quando ad un certo punto non riesco a ricordare o perdo il filo del discorso… dammi il tempo necessario per ricordare e se non ci riesco non ti innervosire: la cosa più importante non è quello che dico ma il mio bisogno di essere con te ed averti li che mi ascolti. Quando le mie gambe stanche non mi consentono di tenere il tuo passo non trattarmi come fossi un peso, vieni verso di me con le tue mani forti nello stesso modo con cui io l’ho fatto con te quando muovevi i tuoi primi passi. Quando dico che vorrei essere morto… non arrabbiarti, un giorno comprenderai che cosa mi spinge a dirlo. Cerca di capire che alla mia età non si vive, si sopravvive. Un giorno scoprirai che nonostante i miei errori ho sempre voluto il meglio per te che ho tentato di spianarti la strada. Dammi un po’ del tuo tempo, dammi un po’ della tua pazienza, dammi una spalla su cui poggiare la testa allo stesso modo in cui io l’ho fatto per te. Aiutami a camminare, aiutami a finire i miei giorni con amore e pazienza in cambio io ti darò un sorriso e l’immenso amore che ho sempre avuto per te.

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Ott
08
2013
-

Papa Francesco racconta Giona

Breve estratto dell’omelia di Papa Francesco  nella Messa alla Domus Sanctae Marthae dell’8 ottobre 2013, Città del Vaticano.

«Ci sono altri come questo testardo Giona, che sono i giustizieri.

Lui andava, profetizzava, ma nel suo cuore diceva:

‘Ma se la meritano. Se la meritano. Se la sono cercata!’.

Lui profetizzava, ma non pregava!

Non chiedeva al Signore perdono per loro.

Soltanto li bastonava.

Sono i giustizieri, quelli che si credono giusti!

E alla fine – continua il Libro di Giona – si vede che era un uomo egoista, perché quando il Signore ha salvato, per la preghiera del popolo, Ninive, lui si è arrabbiato col Signore: ‘Tu sempre sei così. Tu sempre perdoni!’».

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Ott
05
2013
-

Er fattaccio

Sor delegato mio nun so un boiaccia!

Fateme scioje … v’aricconto tutto!…

Quann’ho finito, poi, m’arilegate:

ma adesso, pè piacere!… nun me date

‘st’umijazione dopo tanto strazio!…

 V’aringrazio!!! ( Singhiozza )

Qello ch’ha pubblicato er “Messaggero”

sur  “fattaccio der  vicolo der Moro”,

sor delegato mio … è tutto vero!!!

No’ p’avantamme, voi ce lo sapete,

so’ stato sempre amante der lavoro;

è giusto , che, pè questo, me chiedete,

come la mano mia ch’è sempre avvezza,

a maneggià la lima còr martello,

co’ tanto sangue freddo e sicurezza,

abbia spaccato er core a mi’ fratello

…………………………………………………..

Quanno morì mi’ padre ero fanello…

annavo ancora a scòla e m’aricordo,

che, benchè morto lui, nder canestrello,

la pizza, la ricotta, er pizzutello

nun ce mancava mai! Che, quella santa..

se faceva pe quattro, e lavorava…

e la marinella, le scarpette,

a dì la verità, non ce mancava!

………………………………………………

Ho capito! Me dite d’annà ar fatto;

un momento… che adesso l’aricconto:

Abitavamio ar vicolo der Moro,

io,co’ mi’ madre e mi’ fratello Giggi.

La sera, noi tornamio dar lavoro;

e la trovamio accanto alla loggetta,

bona, tranquilla, co’ quer viso bianco,

che cantava, e faceva la carzetta!

E ce baciava in fronte, e sorrideva

e ce baciava ancora e poi cantava…

“ Fior de gaggia

“io so’ felice co’ vojantri dua.

“ Ar monno nun ce stà chi v’assomija”.

Poi, Giggi se cambiò!!! se fece amico,

co’ li più peggio bulli der rione,

lasciò er lavoro… bazzicò Panico,

poi fu proposto pe’ l’ammonizione.

De più, me fu avvisato da la gente,

che quanno io nun c’ero, mi’ fratello

annava a casa pe’ fa er prepotente!!!

P’er “ garachè”… l’amichi… l’osteria…

votava li cassetti der comò;

e quer poco, che c’era lì in famija,

spariva a mano a mano!!! Lei però

nun rifiutava… nun diceva gnente…

ma nun rideva più… più nun cantava

mi’ madre bella, accanto alla loggetta!

La ruta… li garofoli… l’erbetta

ch’infioraveno tutto er barconcino,

tutto quanto sfioriva, e se seccava,

insieme a mamma che se consumava!!!

un giorno feci : – A ma’: che ve sentite?

State male… perchè nun me lo dite?

Nu’ rispose: ma fece un gran sospiro,

e l’occhi je s’empireno de pianto!!!

Nèr vedella soffri, pur’io soffrivo!

ma ch’aveva da fa? … chiamai er dottore.

Disse che er male suo era qui : “ner core”

e che ‘nse fusse presa dispiacere,

se ‘n voleva morì de’ crepacore!!!

La stessa sera vorsi parlà co’ Giggi,

lo trovai,

e feci : – A Gi ‘, mamma sta male assai…

nun me la fa morì, de dispiacere…

je voio troppo bene… e tu lo sai,

 che si morisse, embè… che t’ho da dì?

sarebbe come er core se spezzasse!!!…

Mentre lei guarirebbe si tornasse

er tempo de ‘na vorta!!!… de quann’ eri

bono… lavoratore… t’ aricordi?

Giggi me fece ‘na risata in faccia:

arzò le spalle, e poi me disse :- Senti:

senza che me stai a fà tanti lamenti,

faccio come me pare! E poi de’ resto,

se n’te va be’, nun me guardà più in faccia!

E me lassò accussì, li sur cantone,

cor còre sfranto!!! Ritornai da mamma,

e la trovai davanti alla Madonna

che pregava, e piagneva! Poverella

quanto me fece pena!!! in quer momento,

per vicoletto scuro e solitario,

‘ntesi Giggi cantà, cò n’aria bulla:

“ Fiorin d’argento

“Accoro mamma e nun m’emborta tanto

“ Pè l’occhi tui ci ho perso er sentimento”…

Allora feci :- A ma’… se mi’ fratello

ritorna a casa pè fa’ er prepotente,

ve giuro che succede ‘no sfragello!!!

– :No… pè l’amor de Dio, fijetto bello!..,

Giggi ‘nun è più lui… no, è ‘na passione…

so’ ‘amichi che l’hanno trasportato!!!

Me dette un bacio… la benedizione

e poi, cor viso bianco come cera,

pe’ nun piagne, me disse :- buona sera!

Ier’ammatina chè successo er fatto,

sarà stato… che so… verso le sette:

me parve de sentì come ‘na lotta!…

Mamma diceva: – A Gi’… ‘nte compromette

co’ tu’ fratello… damme qui er brillocco…

è l’urtimo ricordo de tu’ padre!!!…

e nun t’hai da scordà… che so’ tu’ madre!

-: E che m’emporta a me, de mi’ fratello!?

Si vo’ assaggià la punta der cortello

venga puro de quà! -’Mbè… fu un momento:

sartai dar letto… spalancai la porta…

e me messi de faccia a mi’ fratello,

co’ le braccia incrociate sopra ar petto!

In quer momento

me parve de sentì ‘na cosa calla,

‘na cosa calla che saliva in faccia.

Poi m’intesi gelà! Fece :- Che vòi?…

-Vojo che te ne vai…

senza che fai più tanto er prepotente,

senza che me stai a fa’ tanto er bojaccia!

Mi’ madre prevedenno la quistione

se mise in mezzo pe’ portà la pace:

Ma Giggi la scanzò co’ ‘no spintone,

e poi me fece :- A voi sor santarello

ve ce vorà ‘na piccola lezione!

E’ appena detto questo, uprì er cortello

e me s’avventò addosso!!!…

Mamma se mise immezzo

infrattanto che Giggi dà la botta…

io la scanzo… ma… mamma dà ‘no strillo

e casca longa longa…

Ah!!!…

diedi un urlo de berva e je strillai : –

Ah bojaccia!!! Infamone!!!… Scellerato!!!…

tu m’hai ammazzato Mamma!!!

Come ‘na jena me je buttai addosso

e jagguantai la mano… e je strappai

er cortello… Poi vidi tutto rosso…

e menai… e menai!!!…

( Lenti rintocchi di campana con voce disperata ).

…………………………………………………………

Sarà… mamma che passa! Mamma,

Mamma Mia!… Mannateme ar Coeli!

Amerigo Giuliani

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |
Ott
01
2013
-

Un salto a Pechino

FACCIO UN SALTO A PECHINO E TORNO…eeehhhh….UP..FATTO IL SALTO ORA TORNO.

Freddura del Monsieur Claude Ottobre 2013

Written by monsieurclaude in: Monsieur Claude |

Theme: TheBuckmaker.com Best WordPress Themes